Prima Pagina

Test Antigenici la denuncia di Ordinatamente

Tamponi rapidi , Covid e medici di famiglia uno degli argomenti all’ordine del giorno nelle ultime settimane. Un tema a cuore al Movimento Ordinatamente che oggi con una nota stampa interviene sull’argomento.
”I test antigeni rapidi nella diagnosi di infezione di coronavirus sono
oggetto di agitazione nella Categoria dei Medici di Famiglia, poiché,
attraverso un ACN stralcio, due sigle sindacali hanno firmato l’obbligo per
i Medici di Medicina Generale di effettuare tali test diagnostici.
Al di là che la positività ai test antigenici rapidi deve essere poi confermata
dal tampone molecolare, noi, OrdiNataMente, dal confronto con tanti medici di famiglia e di Continuità Assistenziale, molti dei quali hanno espresso la loro perplessità nell’effettuare tale tipo di diagnostica, per mancanza di ambulatori idonei, oppure perché loro stessi pazienti con
patologie croniche, proponiamo che i test rapidi possano essere effettuati dai medici di famiglia e di Continuità Assistenziale in forma volontaria e dai medici neoabilitati in strutture specifiche, messe a disposizione dalle Aziende Sanitarie Locali, affinché questi ultimi possano dare il loro
contributo nell’emergenza sanitaria e possano dare un supporto a medici con la più alta età media d’Italia, già sovraccarichi di lavoro per assistere in maniera efficiente i loro pazienti.I Medici di Famiglia della provincia di Napoli ci hanno sottolineato che stanno evitando assembramenti nei loro studi e temono che una campagna di test rapidi possa innescare la corsa al test, che potrebbe riportare folla nei loro studi e, quindi, amplificare il contagio. Stesso discorso nelle postazioni di Continuità Assistenziale.
Molti giovani medici neoabilitati, quindi, hanno messo la loro professionalità a disposizione dei Cittadini e dei colleghi più anziani. Noi, OrdiNataMente, suggeriamo che l’AIR Campania stralcio
venga siglato in tal senso.”

Leave a Comment

Your email address will not be published.

You may also like